top of page
Cerca
  • arciromagnacesenar

Emendamento sulla legge regionale sulla musica

Riconoscimento e sostegno ai Live Club, perché sono un naturale vivaio delle band del territorio e di fatto una “scuola di ascolto”, che abitua i ragazzi alla musica dal vivo e alla curiosità per i nuovi gruppi.

La Regione Emilia-Romagna ha apportato modifiche alla legge regionale per la musica, approvate dall’Assemblea legislativa, che in linea con quanto avviene da tempo in diversi paesi europei prevede di attribuire contributi specifici ai luoghi dove si suona dal vivo.


 

“La crisi pandemica– dichiara l’Assessore Cultura Emilia-Romagna, Mauro Felicori - come noto ha colpito pesantemente i locali di musica dal vivo, che sono stati tra i soggetti più penalizzati anche perché già indeboliti dalle tendenze in atto già prima del Covid nel settore della produzione e dell’organizzazione della musica, in cui spicca l’aumento delle fasce di mercato controllate da società multinazionali, che ora occupano praticamente tutte le componenti della filiera musicale, dalla produzione al ticketing. I live club, inoltre, non sono ancora adeguatamente riconosciuti e regolati dalle norme sui locali di pubblico esercizio e di pubblico spettacolo. È giusto dunque aiutarli. Nella biografia di quasi tutte le band c’è un club in cui sono nate e in cui hanno fatto la dura gavetta del confronto con il pubblico. Giusto tanto più oggi, nel dopo-Covid.”.

 

Si è pertanto ritenuto opportuno l’inserimento dell’articolo 8-bis nella legge regionale

n. 2 del 2018 che prevede forme di sostegno mirate espressamente ai locali di musica dal vivo (art. 8-bis, comma 1, della legge regionale n. 2 del 2018). Come già avviene nel caso delle scuole di musica, ai fini dell’individuazione delle misure più idonee al sostegno dei locali di musica dal vivo il nuovo articolo 8-bis prevede altresì la istituzione di un elenco dei locali di musica dal vivo in possesso dei requisiti e degli standard minimi richiesti dalla legge (articolo 8-bis, comma 2, della legge regionale n. 2 del 2018). Ad integrazione del quadro normativo, nella legge regionale n. 2 si inserisce l’articolo 8-ter che demanda alla Giunta regionale la definizione dei criteri, modalità e procedure per l’approvazione, l’aggiornamento e la pubblicità dell’elenco dei locali di musica dal vivo. Come avviene per le altre tipologie di intervento individuate dalla legge n. 2 del 2018, le priorità e le modalità più puntuali dell’intervento regionale in materia saranno definite nel prossimo programma pluriennale (2024-2026) in materia di sviluppo del settore musicale approvato, su proposta della Giunta, dall’Assemblea legislativa regionale.

L’altra buona notizia per tutti i settori di intervento regionale è che, nella seduta di ieri, l’Assemblea Legislativa ha approvato la manovra di assestamento del Bilancio 2023, e della prima variazione generale al Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2023-2025 per far fronte alla ripartenza post alluvione e continuare a crescere. Una manovra che complessivamente supera i 125 milioni di euro, risorse a disposizione di territori, famiglie, lavoro ed economia. Che guarda ai giovani e agli anziani.

Per quanto riguarda il settore musicale, sono state autorizzate variazioni per € 281.628,00 riportando sostanzialmente il capitolo alla dotazione assestata nel 2022.




LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO





3 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page